Home » NEWS. per pazienti » BIOPSIE CON AGO SOTTILE CON MONITORAGGIO TAC/ECO

BIOPSIE CON AGO SOTTILE CON MONITORAGGIO TAC/ECO

BIOPSIE CON AGO SOTTILE CON MONITORAGGIO TAC/ECO - Prof. Francesco Di Costanzo

Intervista al Dr. Ernesto Mazza, Radiologia Interrventistica  Villa Donatello- Sesto Fiorentino, Firenze

1 - Quando è utile fare un'agobiopsia?L’agobiopsia percutanea è un esame che si esegue in anestesia locale, generalmente sotto la guida dell’ecografia o della TAC e permette il prelievo di una piccola quantità di tessuto da valutare con l’indagine al microscopio per identificare la causa di una malattia; pertanto è utile eseguirla quando non  risulta possibile giungere alla diagnosi di natura con le metodiche non invasive

2 - E' pericolosa?Essendo una procedura mininvasiva l’agobiopsia comporta, anche se raramente, alcuni rischi, ma bisogna fare alcune precisazioni: nell’agobiopsia delle strutture superficiali come i linfonodi del collo, le salivari e la tiroide praticamente non vi sono rischi;  nell’agobiopsia del fegato si possono verificare sanguinamenti in meno dell’1 % dei casi; nell’agobiopsia polmonare si può verificare lo pneumotorace nell’11% dei casi anche se i 2/3 degli pneumotoraci conseguenti all’agobiopsia del polmone si risolvono spontaneamente. Comunque negli ultimi 20 anni, nella casistica della Radiologia Interventistica di Careggi, non è stato registrato nessun caso di mortalità correlato ad agobiopsia.

3 - Può determinare l'insorgenza di metastasi?E’ eccezionale e si può verificare solo per alcune neoplasie come i sarcomi e i carcinomi del pancreas, ma nel caso dei sarcomi ci accordiamo prima con il chirurgo per stabilire la sede del prelievo e nel caso dei carcinomi del pancreas eseguiamo l’agobiopsia solo nei pazienti inoperabili nei quali un’eventuale disseminazione di cellule non modifica la sopravvivenza.

4 - Per eseguire un'agobiopsia si devono sospendere farmaci anticoagulanti quali aspirina, eparina, ecc?E’ necessario sospendere i farmaci antiaggreganti come l’Aspirina 5 giorni prima, sostituire i dicumarolici (Coumadin) con un’eparina a basso peso molecolare da sospendere il giorno dell’agobiopsia. E’ consigliabile sospendere l’eparina nel giorno in cui si esegue l’agobiopsia.

5 - Un'agobiopsia è possibile eseguirla in tutti gli organi o solo in alcuni?E’ possibile eseguire l’agobiopsia in quasi tutti gli organi, ma è necessario valutare sempre i singoli pazienti perché se non vi sono problemi ad effettuare l’agobiopsia delle strutture superficiali e l’agobiopsia della maggior parte delle strutture profonde, vi sono casi in cui è necessario prendere alcune precauzioni come nell’agobiopsia di lesioni epatiche ipervascolarizzate e di pazienti che non possono interrompere la terapia con doppio antiaggregante per i quali predisponiamo uno stand-by della sala angiografica e della sala operatoria per la gestione di eventuali sanguinamenti

6 - Per sottoporsi ad un'agobiopsia è obbligatorio ricoverarsi?Dipende dal tipo di agobiopsia: l’agobiopsia delle strutture superficiali può essere eseguita ambulatoriarmente; l’agobiopsia delle strutture profonde addominali o toraciche può essere eseguita ambulatoriamente, in Day Hospital o con il ricovero di un giorno a seconda dei casi e delle condizioni cliniche del paziente; generalmente è consigliabile eseguire l’agobiopsia delle strutture addominali come il fegato in Day Hospital e l’agobiopsia polmonare con il ricovero di 1 giorno considerato che uno pneumotorace può manifestarsi entro 24 ore dall’effettuazione dell’agobiopsia polmonare (i pazienti sottoposti ad agobiopsia polmonare eseguono un Rx torace di controllo in espirio la mattina successiva al giorno dell’agobiopsia prima di essere dimessi).

 

intervista intervista [26 Kb]
commenti (0)

Prof. Francesco Di Costanzo

Prof. Francesco Di Costanzo - Prof. Francesco Di Costanzo

Prof. Francesco Di Costanzo - Prof. Francesco Di Costanzo

Prof. Francesco Di Costanzo - Prof. Francesco Di Costanzo

Prof. Francesco Di Costanzo

Cerimonia di premiazione " Mario Luzi" Nottola-SI

Prof. Francesco Di Costanzo

Prof. Francesco Di Costanzo